ROGER OLMOS. Illustrare quel che non si vede

La tematica del Workshop non sarà solo sulla sequenza di immagini , ma anche un approfondimento e un’esercitazione del concetto di come l’immagine può raccontare qualcosa che la storia non dice, attraverso un linguaggio che rappresenti noi stessi e il nostro modo di concepire e vedere il mondo.

26/27 Settembre 2019 – orario 10.00/17.00

Costo 250,00

ROGER OLMOS

ROGER OLMOS

Illustratore

Roger Olmos, nato a Barcellona nel 1975, si avvicina al mondo del disegno e dell’illustrazione fin da piccolo, frequentando lo studio del padre, dove resta affascinato dai libri per adulti più che da quelli “adatti alla sua età”, in particolare dal lavoro di Brad Holland, Caza e Brian Froud. Al termine degli studi inizia un apprendistato all’Institut Dexeus come illustratore scientifico. Successivamente si iscrive alla scuola di arti e mestieri Llotja Avinyò di Barcellona.
Con il passare degli anni e la pratica, tuttavia, decide di dedicarsi all’illustrazione di libri per ragazzi, per seguire le orme di quegli illustratori che tanto lo avevano colpito da bambino. Nel 1999 viene selezionato alla Bologna Children’s Book Fair, dove conosce il suo primo editore, Kalandraka. L’anno successivo pubblica il suo primo libro, Tío Lobo, che nel 2002 viene inserito nella selezione White Ravens dell’Internationale Jugendbibliothek di Monaco.
Da allora si è dedicato quasi esclusivamente all’illustrazione di libri per ragazzi, con brevi incursioni nell’illustrazione commerciale, per riviste o per la televisione, e ha pubblicato oltre una cinquantina di titoli con una ventina di case editrici spagnole e internazionali, come Edelvives, Penguin Random House, Macmillan, Kalandraka, Oqo Editora, Ediciones B, La Galera, Teide, Anaya, Edebé, Planeta, Baula, #logosedizioni, Melhoramentos, Bromera, Editions 62, Pirouette ecc.
Vegano e animalista, collabora attivamente con la fondazione per la difesa degli animali FAADA. Da questa sua scelta di vita sono nati due libri: nel 2014 Senzaparole, che ha ricevuto apprezzamenti positivi da nomi del calibro di Jane Goodall e J.M. Coetzee e che lui stesso definisce “uno dei libri più importanti della mia carriera”, e nel 2017 Amigos (entrambi per #logosedizioni in collaborazione con FAADA).
Oltre a tenere spesso laboratori di illustrazione nelle sedi dell’Istituto Cervantes di tutto il mondo, Roger Olmos ha tenuto un laboratorio sul libro illustrato nell’ambito del Master sul libro illustrato e l’animazione audiovisiva della Facoltà di Belle arti dell’Università di Vigo e un corso intensivo di illustrazione alla Fine Art Factory di Martina Franca. Insegna da alcuni anni alla summer school di Ars in Fabula, Macerata.